Le regole della Milonga:

In Milonga si va sempre ben lavati, ben vestiti e curati, ognuno ha il proprio gusto a riguardo, non discutibile,

ma l’importante è che si abbia rispetto degli altri.

Si cercherà di avere un buon odore e di non aver mangiato cibi che possano compromettere in modo sgradevole l’alito.


La parola milonga significa parole, discussione, litigio. L'esatta origine è incerta e discussa, tuttavia indicava in passato un luogo d'incontro dove ritrovarsi a fine giornata, ascoltando musica e ballando come in una festa di paese.

Oggi la milonga è il posto in cui si balla il tango argentino.

In milonga dovrebbero valere le regole generali di vita, del buon senso di una volta.

Le milonghe avevano infatti delle regole molto rigide e, in una città in cui a quel tempo in un locale era molto facile perdere la vita anche per uno solo sguardo, le regole garantivano la tranquillità.

Oggi molte regole tradizionali si sono perse ma meritano di essere riviste per meglio apprezzare la cultura tanguera.

I codici della "Mirada" e del "Cabeceo"

L’uomo (o il leader) che vuole invitare una ballerina (o un follower) a ballare, guarda (fa la “mirada”) finché non incontra il suo sguardo. Se ciò non avviene dopo ripetuti tentativi, significa probabilmente che quella ballerina o follower non vuole farsi invitare. In tal caso meglio non insistere!

Se invece avviene l’incontro di sguardi, il ballerino (leader) fa un cenno con la testa (“cabeceo”). Se corrisposto positivamente (normalmente con un sorriso ed un cenno di affermazione) si avvicina ed attende che si alzi dalla sedia.

Se invece la ballerina (o il follower) risponde negativamente (volge lo sguardo altrove), l’uomo (o leader) non può far altro che rassegnarsi senza prendersela. Può eventualmente ritentare in un’altra circostanza (possibilmente non nella stessa serata), ma senza diventare ossessivo. Nessuno è obbligato a ballare con chi non ha voglia di ballare.

Chi riceve il “rifiuto”, invece di offendersi, dovrebbe chiedersi il perché e cercare ove possibile di migliorarsi

(ad esempio studiando di più!).

Cercare di fare la Mirada a ballerine o follower dello stesso livello di esperienza.

L’invito con Mirada e Cabeceo serve per evitare situazioni di disagio in cui l’uomo va ad invitare la ballerina chiedendoglielo in modo esplicito e lei, in caso non ne abbia voglia, debba rispondergli esplicitamente “no grazie”.

L'invito avviene durante la "cortina" (brano musicale di qualsiasi genere che determina la conclusione della tanda).

La Tanda è ciò che propone il Musicalizador per ballare. 

Il Musicalizador è colui che seleziona la musica nella milonga.

La serata di Milonga ha questa programmazione:

Due tande composte da 3 o 4 brani di Tango 

cortina musicale

3 brani di Vals

Due tande  composte da 3 o 4 brani di Tango

cortina musicale

3 brani di Milonga

cortina musicale

(poi, di nuovo si ricomincia con le due tande di Tango)

Durante la cortina inizia il gioco di sguardi per formare le nuove coppie di ballo.

[L’INVITO

[1] L'uomo non andrà mai a invitare una donna accompagnata e sconosciuta.

Potrà invitarla solo se conosciuto dal cavaliere/accompagnatore, e

comunque, solo dopo averlo salutato e scambiato con lui qualche parola di circostanza.

[2] L'uomo potrà invitare la donna single che avrà risposto in maniera affermativa alla sua (mirada),

cioè la guarderà con intenzione negl'occhi, accompagnando questo con un piccolo gesto del capo (cabeceo), e

soltanto dopo aver capito che sarà ben accettato, si avvicinerà per condurla a ballare.

[3] Non insistere a invitare una donna che non risponda alla mirada.

Non esiste invitare la donna "accanto" se ricevuto un NO! dalla ballerina seduta vicina a lei,

meglio evitare di ballare la tanda in corso, non andare ad invitare un'altra ballerina come "seconda scelta" e

capire il perché del rifiuto ricevuto. 

[4] La donna non inviterà mai un uomo sconosciuto in maniera esplicita.

Potrà anche lei mirare un uomo con un sottile gioco di sguardi per invitarlo al ballo.

[5] Nel caso di una coppia consolidata, il primo e l'ultimo ballo della serata devono essere lasciati in esclusiva al proprio partner.

[6] Una volta invitata una donna, l'uomo la precederà in pista e qui attenderà, mai il contrario.

Quando si invita una ballerina, si deve essere “puliti e profumati”.

È naturale sudare quando si balla, ma quando il sudore arriva ad impregnare l’abito,

è bene fermarsi per un po’ e se possibile lavarsi e cambiarsi.

 

[IN PISTA]

[7] Quando si inizia a ballare un tango e si compone l’abbraccio,

l’uomo protegge la donna ponendosi sempre con il fronte verso la direzione di ballo o

verso la parte esterna della pista, mai il contrario.

[8] La coppia, dopo “l'abrazo”, attenderà qualche secondo prima di iniziare a ballare,

"sentendo" il proprio partner e il ritmo della musica.

[9] Evitare di cominciare a ballare un brano musicale già iniziato e

soprattutto non cominciare un brano musicale che sta terminando e

nemmeno invitare sull'ultimo brano della tanda!

Al momento del primo ballo bisogna lasciare alla donna la scelta del tipo di abbraccio.

[10] Usare il primo tango per prendere confidenza con la ballerina e rimandare ai successivi tanghi i passi più elaborati.

[11] La direzione del ballo è esclusivamente da destra a sinistra, quindi nel senso contrario a quello dell’orologio.

[12] La coppia occupa lo spazio più esterno disponibile della pista, muovendosi sempre e soltanto in avanti sulla stessa linea ideale. Non ondeggia a destra e a sinistra, non taglia la strada ad altre coppie, non effettua alcun passo indietro.

[13] Durante il ballo il tanguero evita sempre il passo indietro.

[14] L'uomo controllerà sempre lo spazio intorno a sé;

eviterà l'urto con altre coppie proteggendo nel contempo la dama da eventuali scontri.

[15] Se la milonga è molto affollata, l'uomo eviterà di marcare ganchos o boleos (movimenti facenti parte del Tango Escenario) che potrebbero colpire altri ballerini.

[16] Se la milonga è molto affollata, la coppia non si fermerà ad eseguire figure complesse,

se non in prossimità degli angoli della sala.

[17] Se inavvertitamente dovesse verificarsi un contatto con un'altra coppia, ci si scuserà molto educatamente, con un sorriso e, a bassa voce, con poche parole di circostanza, senza interrompere il ballo.

[18] Le coppie più esperte eviteranno di creare imbarazzo ai ballerini principianti, e tollereranno i loro errori, senza spazientirsi o esprimendo facili giudizi. I principianti evitino di scimmiottare o peggio inventare passi che non conoscono. È molto meglio camminare semplicemente, seguendo il ritmo della musica, con eleganza.

[19] Durante il ballo si rimarrà in silenzio, totalmente concentrati, in connessione con il proprio partner e con ciò che accade attorno alla coppia in funzione del ballo.

[20] Durante il ballo non si impartiranno mai lezioni al proprio partner;

da un segnale capito male si proporrà subito un altro passo senza commenti.

[21] L'uomo sarà molto attento a lasciare i giusti spazi alla propria compagna di ballo,

per permetterle di eseguire "adornos" a suo piacimento.

[22] L'uomo che balla con una principiante non si ostina a proporre passi e figure che la compagna non conosce,

per il solo piacere di ostentare la propria bravura.

Sarà molto più galante nel proporre passi e figure che lei sia in grado di capire, senza forzature.

[23] Non si interromperà mai un ballo per salutare gli amici o altro.

[24] È bene che, una volta invitata una dama, si balli con lei almeno due o tre balli (di solito è la durata di una "tanda").

[25] Al termine dei balli l’uomo saluterà la dama con un sorriso e la riaccompagnerà al proprio posto.

[IN SALA]

[26] Per oltrepassare la sala si percorrerà il perimetro di questa, evitando di attraversare la pista,

cercando ovviamente di non intralciare le coppie che ballano.

[27] Si prenda posto al proprio tavolo con discrezione, parlando a voce bassa, per non disturbare le coppie che stanno ballando.

[28] Durante le esibizioni, o le comunicazioni del musicalizador, si stia in silenzio, per non disturbare.

Non si creino mai gruppi di persone che parlano a voce alta e , men che mai, che sostino in piedi in mezzo alla pista.

[29] Si accoglieranno i nuovi ballerini con simpatia, salutando anche persone che non si conoscono.

[30] Il rispetto degli altri in milonga significa innanzitutto pulizia e cura del proprio corpo. Si ricorda, oltretutto vista la vicinanza "fisica" dei ballerini, l'esistenza di saponi, deodoranti e dentifrici, ad alcuni, purtroppo, sconosciuta.

fonte: vidatanguera.it e tanguedia.net